Lezioni di fotografia - parte seconda

February 20, 2016  •  Leave a Comment

Ancora un po' di storia

Come abbiamo già avuto modo di vedere nella lezione precedente, intorno agli Trenta ci furono fotografi che ruppero gli schemi tradizionali della composizione fotografica: questa fase coincise con la nascita delle avanguardie europee.

László Moholy-Nagy (1895 - 1946), T. Lux Feininger (1910 - 2011) e Otto Umbehr (1902 - 1980) appartennero all'avanguardia tedesca che ricevette il consistente apporto del Bauhaus nel problematico clima politico della Repubblica di Weimar. Questi fotografi utilizzarono formati e tecniche anticonvenzionali come la combinazione di fotogrammi e fotomontaggi al fine di combinare fotografia e tipografia. A tutto questo, aggiunsero inquadrature che offrivano punti di vista assolutamente inediti (dall'alto, dal basso, oblique).

13 - Moholy-Nagy, From the Radio Tower, Berlin 192813 - Moholy-Nagy, From the Radio Tower, Berlin 1928

László Moholy-Nagy, From the Radio Tower, Berlin 1928

Negli stessi anni, sulla scena parigina, irruppe un fotografo ungherese, André Kertész (1894 - 1985), che può essere considerato uno dei precursori della visione fotografica legata alla strada. La sua arte non si avvicinò mai a soggetti politici, ma si occupò sempre di rappresentare convenzionali scene urbane, conferendo un'incredibile importanza alla composizione. Le immagini di Kertész appaiono molto delicate anche dal punto di vista dell'uso della luce.

14 - Kertesz - Montmartre 192514 - Kertesz - Montmartre 1925

André Kertész, Montmartre 1925

La medesima attenzione estrema per la composizione delle immagini caratterizzò anche la fotografia umanista francese, che ebbe i suoi principali esponenti in Robert Doisneau (1912 - 1994), Willy Ronis (1910 - 2009) e Brassaï (1899 - 1984). Quest'ultimo lavorò molto sul tema della notte parigina della quale ritrasse anche gli aspetti più sordidi, come nel suo progetto fotografico Paris de nuit (1933).

15 - Doisneau - Les Baisers de l'Hotel de Ville15 - Doisneau - Les Baisers de l'Hotel de Ville

Robert Doisneau, Le Baiser de l'hôtel de ville (ca. 1950)

16 - Ronis - Le nu provençal - Gordes 194916 - Ronis - Le nu provençal - Gordes 1949

Willy Ronis, Le Nu Provençal, Gordes 1949

17 - Brassai - Paris at night17 - Brassai - Paris at night

Brassaï , Paris de nuit, 1933

Lontani dall'ovattata scena parigina, i maggiori fotografi statunitensi degli anni Trenta e Quaranta si occuparono soprattutto di fotografia documentaristica e sociale. La Farm Security Administration, istituita dal governo Roosevelt nel 1935, mirava a contrastare le devastanti conseguenze socioeconomiche della Grande Depressione (1929 - 1940) e i fotografi che lavoravano per essa avevano il compito di risvegliare l'opinione pubblica, mettendo a fuoco le problematiche delle classi sociali in difficoltà. In questo ambiente si svolse il lavoro di grandi maestri come Walker Evans (1903 - 1975) e Dorothea Lange (1895 - 1965).

18 - Walker Evans18 - Walker Evans

Walker Evans, Allie Mae Burroughs, 1936

19 - Dorothea Lange19 - Dorothea Lange
Dorothea Lange, Migrant Mother, 1936

Sempre nell'ambito del fotogiornalismo, va ricordata la fondazione - avvenuta nel 1947 ad opera di Robert Capa (1913 - 1954), Henri Cartier-Bresson (1908 - 2004) e David Seymour (1911 - 1956) - della prestigiosa agenzia Magnum Photos. Il segno caratteristico dei fotografi appartenenti all'agenzia sarà l'osservazione anche ironica della realtà, nel tentativo di mostrare gli aspetti insoliti ed il "dietro le quinte" dei grandi eventi. 

20 - Cartier Bresson - Coronation of King George VI20 - Cartier Bresson - Coronation of King George VI

Henri Cartier-Bresson, Coronation of King George VI, 1937

Infine, occorre ricordare anche qualche fotografo che si è dedicato alla cosiddetta street photography, la fotografia di strada che privilegiava l'istinto, le emozioni e la soggettività dell'artista. Uno dei principali esponenti di questa corrente fu Robert Frank (1924): molto vicino agli ambienti della beat generation, con il suo The Americans (1958) ruppe l'incantesimo di un'America perfetta. L'ideale del grande sogno americano si infranse nel corso del suo viaggio in auto nel cuore del paese.  Notevoli anche i lavori di Garry Winogrand (1928 - 1984), che predicava la necessità di non progettare il soggetto fotografico, e di Lee Friedlander (1934), conosciuto per le fotografie nelle quali ritrasse se stesso in modi insoliti, per esempio riflesso in vetrine o sotto forma d'ombra.

21 - Robert Frank21 - Robert Frank

Robert Frank, Trolley, New Orleans 1955


Comments

No comments posted.
Loading...

Archive
January February March April May June July August (2) September October November December
January February (4) March April May (1) June (1) July August September October November December
January February (3) March April (1) May (1) June July August September October November December