Les affiches d'Arles

August 21, 2015  •  Leave a Comment

L'Arles da sempre sognata, l'Arles dei quadri di Vincent Van Gogh e della course camarguaise ci si spalanca davanti agli occhi in un assolato giorno di fine luglio. Stiamo tornando dalla Catalogna e facciamo una sosta per riposarci e respirare l'atmosfera dei Rencontres de la Photographie.

Scrisse Joseph Roth nel 1925: «l'intera città ha qualcosa della fredda e antica serenità di un chiostro, e molto della pietra nativa e del marmo vivente. Le pareti, i muri, i monumenti e le rovine diventano vivi soltanto dopo secoli, e sempre più vivi col trascorrere del tempo. Le mura antiche diventano più sonore ogni anno che passa...». In novant'anni, quelle mura non sono soltanto diventate sonore, ma anche luminose e cariche di immagini, così ci viene un'idea forse folle, forse bizzarra: perché non costruire una piccola serie metafotografica che esprima tutta la forza comunicativa dei manifesti che inondano Arles per pubblicizzare le mille iniziative dei Rencontres?

Ve la presentiamo così: come una breve rassegna luminosa ed estiva, ma anche rude e trasandata, un riflesso di quello che ci ha lasciato la nostra Arles, nell'attesa che anche l'avanguardia si trasformi un giorno in cultura ufficiale e si meriti uno strappo deciso.

La colonna sonora che accompagna lo slideshow è una magnifica canzone di Don McLean, Vincent

http://www.lucaquadrio.it/arles/slideshow


Comments

No comments posted.
Loading...

Archive
January February March April May June July August (2) September October November December
January February (4) March April May (1) June (1) July August September October November December
January February (3) March April (1) May (1) June July August September (1) October November December